Perché ci chiedono di non uscire?

Cosa spinge il governo a varare così tanti decreti, misure così pesanti (economicamente e socialmente)? Perché ora dicono che siamo noi ad avere in mano le sorti del paese?

All’improvviso siamo catapultati in un mondo ideale in cui le nostre azioni hanno un diretto effetto sull’intero paese, e possono (potenzialmente) determinare la vita o la morte di persone lontane e vicine.

Evitare di incontrarsi con altri, misura fortemente consigliata, è l’unico metodo certo che abbiamo finora per esser sicuri di non distribuire o ricevere il Covid-19.

Stare a casa significa non infettare gli altri. Se gli altri non vengono infettati, la propria regione non subirà misure contenitive più drastiche.

Il Covid-19 è un pericolo sottile, non si vede, e magari nemmeno ne subiamo conseguenze. Eppure esiste. Alcuni ne hanno già subito una perdita.

La soluzione l’abbiamo a portata di mano! Stiamo “accorti”: evitiamo la vicinanza stretta e prolungata, promuoviamo l’igiene personale, due linee di febbre devono fermarci in casa.

Lascia un commento